Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Minestra di fagioli e maltagliati con le castagne

La minestra di fagioli e maltagliati con le castagne è una delle più conosciute della tradizione contadina italiana, quando la tavola e le preparazioni seguivano le stagioni.

Da nord a sud, il nostro paese è ricco di minestre, zuppe e creme di verdura, tutte buone e da provare. In Romagna, come a Bologna, è considerata una ricetta tipica locale.

Questa è la minestra di fagioli come si usava fare a casa mia.

Minestra di maltagliati, fagioli e castagne

A casa e in osteria

La minestra di fagioli era un piatto della tradizione contadina che potevi gustare a casa come nelle osterie dove, quasi sempre, ai fornelli c’era una cuoca che proponeva tipici mangiari casalinghi.

Durante la stagione fredda, le vecchie osterie romagnole e bolognesi, proponevano questo piatto semplice e ricco di gusto.

Era un mangiare di stagione, costava poco, anche all’avventore, e si teneva in caldo nel tegame coperto che restava a borbottare piano sulle vecchie stufe. Spesso le osterie erano formate da un’unica grande stanza e la minestra di fagioli avvolgeva e ingolosiva i clienti infreddoliti e affamati.

Minestra di maltagliati, fagioli e castagne

Minestra di maltagliati, fagioli e castagne

La minestra di fagioli

Per cuocere questa minestra si usava la pentola di coccio, cosa che anche io faccio ancora grazie alla cura di chi le ha usate prima di me e le ha tramandate generazione dopo generazione.

Alla pari di un tempo, è un piatto economico e gustoso. Molto facile da preparare.
Mia nonna Sara aggiungeva anche qualche castagna secca (ma vanno bene anche quelle arrosto).

Tu puoi farla anche senza castagne e senza tegame di coccio.

Ricordo che nonna passava al setaccio gli avanzi della minestra, separando fagioli e pasta dalla parte liquida. Al brodo di fagioli aggiungeva dell’acqua per allungarlo e renderlo meno denso. In quel brodo poi avrebbe cotto i passatelli. Un piatto povero che oggi è stato dimenticato ma meriterebbe di essere recuperato.

Buona cucina di stagione, Monica

Maltagliati

A casa, nella minestra di fagioli nonna di solito usava aggiungere i maltagliati, la pasta fresca che nasce dagli avanzi della sfoglia. I pezzi avanzati si tagliano in modo irregolare, e dopo averli fatti asciugare, si conservano in un vaso di vetro. Tu puoi usare qualunque formato di pasta corta.

Keep in Touch

Per restare sempre aggiornato e non perdere nuove ricette e articoli, iscriviti alla newsletter di Tortellini&CO. Niente spam, solo cose carine.

Stai in Rete

Se ti va, puoi seguirmi su InstagramPinterest e Facebook.

Minestra di maltagliati, fagioli e castagne

Minestra di fagioli e maltagliati 


Ingredienti
per 4 persone


180g di fagioli secchi
una decina di castagne
120 g di maltagliati, o altra pasta corta
2 cucchiai rasi di concentrato di pomodoro
1 carota
1 cipolla gialla, piccola
1 l e ½ di acqua
vino rosso, 20g
olio d’oliva, burro e sale q.b.
salvia e alloro, qualche foglia
prezzemolo, lavato e tritato q.b.

parmigiano reggiano grattugiato, per servire

Se vuoi che ti avanzi del brodo di fagioli, versa due litri di acqua


Procedimento


Taglia finemente, cipolla, carota e sedano e cuoci per alcuni minuti, su fiamma bassa, con poco olio evo e una noce di burro in un tegame dai bordi alti. Aggiungi anche salvia e alloro.

Versa nel tegame fagioli e castagne. Mescola ancora e cuoci per 3 minuti. Sfuma con il vino rosso su fiamma media, lascia evaporare mescolando, aggiungi il concentrato, mescola, e poi versa l’acqua.

Porta a bollore, abbassa la fiamma e cuoci per circa 1 ora.

Togli dalla pentola 1/3 dei fagioli e alcune castagne. Elimina salvia e alloro.

Riduci a crema il resto con il frullatore a immersione. Aggiusta di sale.

Porta di nuovo a bollore, aggiungi i maltagliati, i fagioli interi e le castagne che hai messo da parte, abbassa la fiamma e cuoci per alcuni minuti mescolando.

Spolvera con abbondante parmigiano e servi la minestra calda.

Lascia un commento

0/100

© 2024 Tortellini&Co. All Rights Reserved.