Raviole con crema pasticcera alla vaniglia

Per la forma a mezza luna ricordano i ravioli di pasta fresca ma le raviole, al femminile, sono biscotti secchi tipici di Bologna. A quelle tradizionali, farcite con la mostarda, ho preferito le raviole con crema pasticcera.

Raviole con crema pasticcera

Le raviole.

Sul blog c’è anche la ricetta più tradizionale delle raviole, i biscotti che si preparano in occasione di San Giuseppe e che, nel tempo, i forni di Bologna hanno iniziato a preparare tutto l’anno.

Si tratta di una frolla croccante e sottile che custodisce un ripieno.
Di solito di mostarda o confettura ma anche crema pasticcera o al cioccolato, a seconda della voglia e delle occasioni.

La variabile tempo.

Per fare questi biscotti dovrai preparare la frolla e la crema pasticcera.
Ti consiglio di ottimizzare i tempi preparando prima l’impasto e, durante il suo riposo, la crema che, comunque dovrà raffreddare prima di essere usata come ripieno (mentre tu potrai stendere la frolla sottile e farla riposare ancora in frigorifero o, addirittura, in congelatore).

A proposito di tempo e cucina.
Se frequenti il mio blog da un po’, sai già che non indico i tempi di realizzazione della ricetta.

Per quanto sia possibile offrire un tempo indicativo, negli anni, tenendo corsi e lezioni di cucina, mi sono resa conto che quello che faccio in un’ora, come le raviole con crema pasticcera, richiede tempistiche diverse a seconda della persona.

Raviole bolognesi

Prendi il tuo tempo.

Una ricetta che per me è facile, può essere complessa per un altro. Prendi i passatelli, un piatto veramente semplice. Ma quante volte l’ho visto preparare, l’ho assaggiato e fatto io stessa? Questa esperienza, certamente, mi rende più veloce rispetto a chi si accinge a cucinarli per la prima volta.

Oltre all’esperienza e alla conoscenza di un piatto, anche non possedere l’attrezzo giusto, per esempio, può rallentare il procedimento. Scegliere di impastare a mano o con la planetaria, stendere la sfoglia col matterello invece che con la macchina: sono alcune possibili azioni che incidono sulla tempistica.

Il tempo di realizzazione di una ricetta dipende poi anche dal nostro umore.
Se abbiamo tempo, probabilmente, entreremo in cucina senza fretta e lavoreremo godendoci la luce che entra dalla finestra, dedicandoci agli ingredienti e alla lettura del testo della ricetta con cura e attenzione. Per questo potremmo impiegare più del tempo strettamente necessario. Al contrario, se quello che dobbiamo preparare è un pasto veloce tra un impegno e l’altro, sceglieremo di cucinare qualcosa che conosciamo bene o che abbiamo già controllato e ritenuto adatto per quel momento.

E allora perché indicare un tempo? Ognuno ha il proprio.
In cucina e nella vita, segui il tuo ritmo e non sbaglierai.

Buona cucina, Monica

Keep in Touch

Per restare sempre aggiornato e non perdere nuove ricette e articoli, iscriviti alla newsletter di Tortellini&CO. Niente spam, solo cose carine.

Stai in Rete

Se ti va, puoi seguirmi su InstagramPinterest e Facebook.

Raviole con crema pasticcera

Consiglio

Sul blog trovi la ricetta base per fare la crema pasticcera, i trucchi per una riuscita perfetta e come trasformarla in crema diplomatica.

Raviole con crema pasticcera


per 36 biscotti circa
taglia biscotti rotondo 3-4cm
Ingredienti


pasta frolla
farina di grano tenero, 350g
burro da frigorifero, 170g
zucchero semolato o di canna, 100g
uova, 2
lievito per dolci, 5g
latte, due-tre cucchiai
sale, un pizzico
scorza grattugiata di mezzo limone naturale

per la crema
zucchero semolato, 50g
farina, 25 g
tuorli, 2
latte, 250ml
estratto naturale di vaniglia, 1 cucchiaino scarso


Procedimento

In una ciotola, mescola farina, lievito, zucchero e sale.

Poi aggiungi burro a tocchetti, scorza del limone, essenza di vaniglia, latte e inizia a impastare velocemente.

Quando il composto è sodo e ben amalgamato, avvolgi nella pellicola e metti in frigorifero per circa due ore.

Mentre l’impasto riposa, prepara la crema pasticcera.

In un tegame, ma non sul fornello, mescola tuorli e zucchero con una frusta a mano.
Aggiungi la farina setacciata mescolando con la frusta e poi lentamente, sempre mescolando, versa il latte -tiepido o temperatura ambiente mai caldo bollente.

Metti il tegame su fiamma bassa e, sempre mescolando con la frusta a mano, porta la crema alla giusta consistenza.

Se non sai quando raggiunge la giusta consistenza, regolati in questo modo: appena mescolando incontri resistenza e vedi che inizia a staccarsi dalle pareti del tegame togli dal fuoco e lascia raffreddare coprendo la crema con della pellicola da cucina a contatto con la superficie della crema o spalmando sulla superficie della crema calda un po’ di burro.
In questo modo non si formerà l’antipatica pellicola.

Lascia raffreddare completamente.

Recupera l’impasto dal frigorifero, taglia in 2 o 3 parti e stendi un pezzo alla volta tra due fogli di carta forno.

Stendi l’impasto sottile (2-3mm). Se fai fatica a staccarlo dai fogli di carta forno, dopo avere fatto i tondi con il taglia biscotti, passa tutto qualche minuto in freezer (carta e impasto). In questo modo sarà più facile lavorare anche gli avanzi di impasto.

Prima di farcire, con le mani allarga delicatamente, se possibile, l’impasto del singolo biscotto, senza rompere la frolla, e farcisci con l’equivalente di un cucchiaino abbondante di crema pasticcera.

Richiudi il biscotto su se stesso e pizzica i bordi in modo che il ripieno non esca durante la cottura.

Usando il pennello, bagna con poca acqua la superficie delle raviole e passa nella granella di zucchero per decorare.

Metti i biscotti in frigorifero per circa 30-40 minuti prima di cuocere in forno già caldo, a 180 gradi (funzione statica), per circa 12 minuti o fino a quando i biscotti saranno leggermente dorati.

Sforna e lascia raffreddare. Conserva in una scatola.

Biscotti di Bologna

Crema pasticcera

Biscotti di Bologna