La crescente: focaccia bolognese con il prosciutto

Hai mai assaggiato la crescente?
Da Pellegrino Artusi (Ricetta n. 194) alle sorelle Simili, non c’è ricettario che non citi questa focaccia. Lascio che sia il famoso gastronomo italiano a introdurre la ricetta.

“Che linguaggio strano si parla nella dotta Bologna!”
Quando sentii la prima volta nominare la crescente credei si parlasse della luna; si trattava invece della schiacciata, o focaccia, o pasta fritta comune che tutti conoscono, e tutti  sanno fare, con la sola differenza che i Bolognesi, per renderla più tenera e digeribile, nell’intridere la farina coll’acqua diaccia e il sale, aggiungono un poco di lardo”.

Ricetta Crescente la focaccia di Bologna

Le origini della crescente.

Una focaccia che fa parte della tradizione dei lievitati salati di Bologna.
La parola ha la stessa radice del verbo crescere: nel dialetto bolognese, carsent significa “che cresce”.

Dopo una lunga notte di lavoro, a metà mattina, i fornai preparavano una focaccia da consumare come colazione-pasto e lo facevano utilizzando gli avanzi della pasta lievitata di pane (crescente) arricchita dai ranzétt, pezzi di prosciutto già un pochino rancidi.
La crescente nasce come ricetta del riciclo, per non sprecare nulla.

La focaccia cuoceva nel forno dentro grandi ruole (teglie) di ferro da dove usciva profumata e invitante.

Se nel 1891 Artusi cita la crescente, significa che la crescente era una consuetudine antica e una prelibatezza già nota anche se è solo nel secondo dopoguerra, a metà Novecento, che la focaccia diventa un prodotto da forno destinato alla vendita.
Da quel momento il prosciutto di scarto e il lardo rancido scompaiono, sostituiti da carne scelta.

La crescente di oggi è una delle tante ricette del vasto patrimonio culinario bolognese che, a ragione, è stata depositata presso la locale Camera di Commercio così da preservare memoria, ingredienti e procedimento.

Focaccia di Bologna

La crescente di oggi.

È una focaccia che sembra un pane schiacciato, ha una crosta spessa qualche millimetro e ciò che la rende saporita e speciale è il prosciutto crudo macinato mescolato con l’impasto.

La ricetta è in tutto e per tutto quella di una focaccia, solo che non devi aspettarti chissà quale lievitazione, soprattutto durante la cottura.

Il prosciutto va aggiunto a cubetti? No, quella è un’altra ricetta di scuola bolognese, è un modello di focaccia alta, morbida e con cubetti di pancetta o lardo da perdere la testa.
Ma, appunto è una ricetta diversa. La caratteristica della crescente è che il prosciutto crudo (mai cotto), che puoi mescolare con metà pancetta, deve essere tritato finemente come un macinato.

La crescente è una focaccia che puoi servire nel cestino del pane o per l’aperitivo. Semplice o anche farcita. Se poi organizzi una gita fuori porta o una merenda all’aperto, questa ricetta è da provare.

Buona cucina bolognese, Monica

Curiosità gastronomiche

Conosci la storia delle streghe bolognesi? Si tratta di crackers sottili e croccanti che puoi acquistare nei forni della città. La storia del buffo nome e la ricetta sono qui sul blog.

Aneddoti bolognesi

La pavimentazione rialzata in granito bianco e rosa, costruita in Piazza Maggiore nel 1934 davanti alla facciata di San Petronio, vista dall’alto, per colori e forma, ricorda la crescente e da allora i bolognesi chiamano quel gradino il Crescentone.

Il crescentone a Bologna

Keep in Touch

Per restare sempre aggiornato e non perdere nuove ricette e articoli, iscriviti alla newsletter di Tortellini&CO. Niente spam, solo cose carine.

Stai in Rete

Se ti va, puoi seguirmi su InstagramPinterest e Facebook.

Ricetta Crescente bolognese

Consigli

Invece del prosciutto crudo puoi usare del lardo ma sempre macinato fine.

Nelle varianti più recenti di crescente, c’è chi ricopre la superficie con rondelle di cipolla o di zucchine o sale e rosmarino. Le signorine Simili crearono una ricetta di crescente al gorgonzola.

Ricetta di Bologna: la crescente al prosciutto crudo


per 6 persone
Ingredienti


farina 0, 500g
lievito di birra, 25g
latte, 150ml
acqua frizzante, 100ml
prosciutto crudo macinato fine, 150g
strutto, 50g (oppure olio d’oliva, 70g)
zucchero o miele, 1 cucchiaio
sale fino, 8 g


Procedimento


Sciogli il lievito in una tazza con miele, o zucchero, uno o due cucchiai di farina e poco latte tiepido e lascia riposare 10 minuti.

Versa la farina su un tagliere o in una ciotola, al centro scava un cratere e versa la pastella di lievito, il latte appena tiepido, l’acqua frizzante e lo strutto (o l’olio d’oliva).

Puoi aggiungere adesso il prosciutto crudo macinato, oppure al secondo reimpasto. Io preferisco aggiungere il prosciutto subito.

Impasta energicamente per una decina di minuti, dopo qualche minuto aggiungi anche il sale, incidi a croce e lascia riposare l’impasto in una ciotola coperta per due ore.

Trascorso questo tempo, se non hai ancora aggiunto il prosciutto, impasta di nuovo per aggiungere il prosciutto all’impasto e lascia riposare ancora 30 minuti.

Stendi la pasta con il matterello senza lavorarla, disponi in una teglia ricoperta di carta forno, pareggiando la superficie. Fai riposare ancora mezz’ora.

Nel frattempo porta a temperatura il forno (200 gradi C, funzione statica).

Quando inforni la focaccia, porta la temperatura a 180 gradi C e cuoci per circa 30 minuti.

Prosciutto crudo

Focaccia bolognese

2 COMMENTS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here