Il certosino di Bologna: il pane speziale di Natale

Il certosino è un pane dolce e speziato. Un tempo chiamato appunto pan speziale.
E’ tipico del periodo natalizio e nasce a Bologna, creato dalle sapienti mani dei frati della Certosa di Bologna. Anche se è molto probabile che i fraticelli non abbiano inventato bensì rivisitato qualche ricetta più antica, di epoca medievale.

Ogni anno, per Natale, i frati mandavano a Roma un certo numero di pani speziali. Erano il loro dono al bolognese cardinal Lambertini (poi papa Benedetto XIV).

certosino

Se nel periodo natalizio, siete a Bologna e desiderate assaggiare o regalare il certosino, consiglio quello preparato dal forno Atti. Corredato di scatola è un regalo bellissimo!

Quella che condivido in questo post è la ricetta del certosino di casa Tortellini.
Una volta i certosini erano portati all’alba in campagna, dentro le loro teglie di metallo, perché cuocessero piano piano nel forno a legna (e a dire il vero la mia mamma ha continuato questa tradizione sino a pochi anni fa, da poco si accontenta della cottura nel forno di casa). Altri tempi. Oggi dobbiamo utilizzare un meno poetico forno elettrico ma altrettanto efficace.

certosino

Se volete assaggiare un dolce della tradizione o regalarlo… questa è la ricetta giusta! A differenza di quel che si pensa, il procedimento è molto semplice. Date uno sguardo alla ricetta e dite, la immaginavate così facile? Come tante ricette della tradizione è stata un po’ messa da parte pensando che se è una cosa “di una volta”, il procedimento ‘sarà lungo e complicato’. E così abbiamo lasciato che il certosino e la sua ricetta fossero ricoperti da una patina di polvere. Io credo sia arrivato il momento di riappropriarci dei nostri sapori e anche di quella gestualità e dei riti che fanno parte della ricca tradizione culinaria italiana.

Abbiamo già perso la cottura nel forno a legna, non vogliamo perdere anche la ricetta e il sapore di questo dolce ricco e tipico del Natale, vero? E’ un dolce così bello (e buono) che darà un tocco di magia alla vostra tavola delle Feste.

Il certosino di Bologna: il pane speziale di Natale

Questo è il momento giusto dell’anno per iniziare a preparare i certosini così che siano pronti per Natale.
Certosino?

Monica

Consigli

Pazienza. Prima di assaggiarlo, con il certosino è necessario avere pazienza. La cosa più difficile infatti non è il procedimento per prepararlo, piuttosto semplice e anche veloce, ma sapere attendere. Una volta pronti, avvolgeteli nella pellicola e conservateli in luogo asciutto. Aspettate un paio di settimane prima di assaggiarli, così tutti i sapori saranno ben mescolati e i canditi più asciutti.

E’ un dolce che si conserva a lungo fuori frigorifero. Per mantenerlo fresco, lasciatelo avvolto nella pellicola.

Ricetta

per 3-4 piccoli certosini
cosa occorre: stampi in metallo, 10 cm circa di diametro


500 g farina 00
200 g zucchero bianco
200 g confettura, a piacere
100 g cacao amaro
100 g miele, più quello per spennellare la superficie
½ litro di vino bianco
200 g frutta candita, misto
150 g mandorle intere
100 g pinoli
15 g lievito per dolci


Procedimento


Tritate grossolanamente le mandorle e i canditi. Tenete da parte diversi pezzi per decorare.

In una ciotola capiente, mescolate farina, cacao, zucchero e lievito

Aggiungete la confettura, il miele, il vino. Poi pinoli, mandorle e frutta candita tritati grossolanamente. Mescolate energicamente con un cucchiaio di metallo fino ad avere un impasto morbido.

Riempite gli stampi unti in precedenza.

Cuocete in forno già caldo (180 gradi) per circa 15 minuti. Poi aggiungete sulla superficie mandorle e canditi e cuocete ancora per altri 15 minuti.

Mentre i certosini sono ancora caldi, rimuoveteli dagli stampi e spellate la superficie con il miele.

Lasciate asciugare, avvolgete nella pellicola. Devono riposare almeno 10-12 giorni prima di essere consumati.

 

certosino

Articolo disponibile anche in Eng

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here