Bologna vista mare: 3 ristoranti dove mangiare il pesce

Sei alla ricerca di una insolita prospettiva?

Trova un buon ristorante di pesce, chiudi gli occhi e… senti il mare? Se l’indirizzo è quello giusto, tutto è possibile.

Per trovare non uno ma 3 ristoranti di pesce dove cibo e qualità nuotano nello stesso piatto, dai fiducia ai consigli di due blogger che amano mangiare bene e consigliano solo indirizzi collaudati.

Con Federica del blog Innamorati in cucina, collega e amica blogger, abbiamo scelto 3 cucine regionali di pesce, siciliana, romagnola e campana, e altrettanti ristoranti dove potrai gustarle al meglio.


Prima di lasciarti alla guida, vorrei aggiungere una piccola nota su come è nato questo post a 4 mani con Federica. Lei è una giovane donna che vive a Bologna, ha origini campane, frequenta l’università e scrive con passione un blog dedicato a cibo, viaggi, ricette, Bologna e molto altro ma sempre in chiave food. Poco tempo fa parlavamo proprio di pesce e ristoranti a Bologna quando abbiamo pensato che le sue origini campane e le mie romagnole, potevano essere la chiave di scrittura di un post dedicato alla cucina regionale di pesce che, in Italia, è ricca e molto importante e che a Bologna è ben rappresentata.
La Sicilia? Un altro amore comune.

Se non lo fai già, segui Federica anche su instagram!

Bologna vista mare: 3 ristoranti dove mangiare il pesce


Keep in Touch

Per restare sempre aggiornato e non perdere nuove ricette e articoli, iscriviti alla newsletter di Tortellini&CO. Niente spam, solo cose carine.

Stai in Rete

Mi piace vedere quando qualcuno cucina una delle mie ricette.
Se ancora non lo fai, seguimi su Instagram e condividi la foto taggando @tortelliniandco e usando l’hashtag #tortelliniandco.


Bologna: 3 ristoranti di pesce da provare

Pane e Panelle

Pane E Panelle – la Sicilia nel Piatto

Trattoria che coniuga sapori siciliani e rivisitazioni gustose, e un menù dove non mancano mai alcune proposte completamente vegetariane.

Parola d’ordine del locale è semplicità, a partire dalla tavola. Essenziale con le tovagliette di carta stile trattoria d’una volta. E poi gli oggetti recuperati: barattoli che diventano oliere, vecchie bottiglie che ospitano il quartino di prosecco ghiacciato.

Il menù segue le stagioni e la fantasia dello chef ma l’impronta è siciliana. Si fa largo uso di pesci poveri e dimenticati. Il fritto è indimenticabile.

È possibile mangiare nel cortile interno, tipico bolognese, sotto un cielo di lucine che illuminano la notte e la cena. A pranzo si mangia sotto delle vele rosse che è un po’ come veleggiare verso la dolce Sicilia.

Via S. Vitale, 71, Bologna

Pane E Panelle – la Sicilia nel Piatto

Pane E Panelle – la Sicilia nel Piatto

Osteria Bartolini – dove l’Adriatico parla romagnolo

Osteria Bartolini – Il mare a Bologna non tradisce le aspettative di una mangiata in puro stile tradizionale romagnolo, a parte la piadina (che non troverete e dimentico sempre di chiedere come mai). Il locale ha un giardino che in estate permette di mangiare all’aperto, sotto i rami di uno dei platani più antichi d’Italia, non è possibile prenotare ma il servizio veloce garantisce un rapido ricambio. Il menu segue le stagioni e la disponibilità del mercato del pesce, quindi cambia spesso ma il pesce è sempre a chilometro giusto (Romagna-Bologna).

I tagliolini alle vongole, le cotolette di sardoncini e il fritto sono buonissimi. Il sauté di poverazze è sontuoso.

Piazza Malpighi, 16, Bologna

La cucina di pesce romagnola, quella che si cucina e si mangia nel tratto di costa compreso tra i lidi ravennati e Cattolica è forse meno nota delle altre qui proposte. Scorri il post fino in fondo, ti lascio una noticina introduttiva ad alcune delle sue caratteristiche principali.

Osteria Bartolini Bologna

Osteria Bartolini Bologna

 

 

Osteria Bartolini Bologna

Ristorante San Pietro -la cucina campana

Un piccolo angolo di costiera amalfitana in centro a Bologna, un ristorante dove potrete assaporare la tradizione campana senza rendervi conto di averla a seicento chilometri di distanza.

Esaltare la materia prima è l’obiettivo della famiglia Silvestri: si deve sentire solo il sapore del pesce.

In abbinamento al pescato del giorno, i principi del piatto sono gli scialatielli, rigorosamente fatti in casa con semola, acqua e prezzemolo.

Altro piatto iconico è l’acqua pazza, secondo la ricetta tradizionale napoletana.

D’estate è possibile cenare nel dehor esterno di via Dè Gessi… avvolti dai sapori, riuscirete addirittura a sentire il rumore del mare.

Via Dè Gessi 5, Bologna

Ristorante San Pietro -la cucina campana

Ristorante San Pietro -la cucina campana

Ristorante San Pietro -la cucina campana

Breve noticina al pesce romagnolo

Il pesce alla romagnola mi fa pensare alle soglioline dell’Adriatico, alle poverazze (vongole piccole, saporite e tipiche della riviera), pasta all’uovo, sardoncini alla griglia e stecchi di calamari, piada (ossia piadina). È una cucina regionale che prevede in pochi casi l’uso del pomodoro, salvo alcuni brodetti ma non in tutte le zone della Romagna (il brodetto si tinge di rosso scendendo verso le Marche), aglio il giusto, prezzemolo quel che serve. Tra i primi piatti, i più tipici sono di pasta fresca: strozzapreti, passatelli, tagliolini e tagliatelle. I secondi sono quasi sempre piatti poco elaborati e si tratta soprattutto di pesce impanato e cotto alla griglia.

 

 

Piazza Malpighi, 16, 40123 Bologna BO

 

Ristorante San Pietro

Un piccolo angolo di costiera amalfitana in centro a Bologna, un ristorante dove potrete assaporare la tradizione campana senza rendervi conto di averla a seicento chilometri di distanza.

Esaltare la materia prima è l’obiettivo della famiglia Silvestri: si deve sentire solo il sapore del pesce.

In abbinamento al pescato del giorno, i principi del piatto sono gli scialatielli, rigorosamente fatti in casa con semola, acqua e prezzemolo.

Altro piatto iconico è l’acqua pazza, secondo la ricetta tradizionale napoletana.

D’estate è possibile cenare nel dehor esterno di via Dè Gessi… avvolti dai sapori, riuscirete addirittura a sentire il rumore del mare.