Biscotti del Re, ricetta e storia dei cantucci bolognesi

I biscotti del re sembrano dei cantucci: sia per la forma che per la doppia cottura.
E come i cantucci puoi servirli a fine cena con il vinsanto e una bella storia.

Biscotti del Re ricetta

La storia dei Biscotti del Re

Il 6 giugno 1918 Vittorio Emanuele III visitò la zona della bassa bolognese, a quel tempo terra di risaie e mondine. Nel suo giro andò anche ad Altedo, frazione del comune di Malalbergo a pochi chilometri da Bologna, interessato a certi metodi innovativi di raccolta del riso.

Il corteo, con alla testa l’auto del Re, una Fiat 510 Torpedo realizzata per il sovrano, entrò nel paese alle 10.15. E qui avvenne un mezzo disastro.

Il Sindaco Zeno Pezzoli non era pronto. Noto per non essere mattiniero, era ancora intento a vestirsi e mandò la figlia Anna a fare gli onori di casa e prendere tempo. La ragazza offrì al Re un mazzo di fiori preso da un vaso che bagnarono i reali pantaloni del sovrano.

Il prefetto e il questore di Bologna che accompagnavano il re rimasero a bocca aperta ma il re non fece una piega. Poi, finalmente, il Sindaco fu pronto per accompagnare il corteo reale nella visita delle cooperative agricole della zona.

Al termine del sopralluogo, al corteo fu offerto un banchetto durante il quale Tuda Martinelli Pezzoli, madre del Sindaco che fece aspettare il Re d’Italia, offrì dei biscotti creati per l’occasione.

Al re piacquero così tanto che offrì alla Tuda la possibilità di usufruire per questi biscotti del brevetto della Real Casa. Alla buona donna dovette sembrare troppo impegnativo, e rifiutò chiedendo però il permesso di poterli chiamare Biscotti del Re. Il permesso fu accordato e Vittorio Emanuele risalì sulla sua Torpedo portando con sé qualcuno di quei biscotti avvolti in un fazzoletto annodato.

Oggi i Biscotti del Re  sono riconosciuti come De.Co (denominazione comunale) che certifica la storicità e appartenenza di un prodotto, ingrediente, tradizione a un territorio comunale.

Biscotti del Re ricetta

Ricetta dei biscotti del re

I Biscotti del Re assomigliano ai cantucci ma sono più friabili e morbidi al morso dei cugini toscani.

La preparazione dell’impasto è molto semplice, da una ciotola (o planetaria) e via.
Dopo aver modellato dei pezzi di impasto a filone, dovrai procedere con una doppia cottura, detta biscottatura, proprio come per i cantucci.

Dopo la prima cottura, i filoni vengono tagliati diagonalmente per formare i biscotti e tornare in forno per pochi minuti a bassa temperatura.

A questo punto si lasciano raffreddare e puoi spolverare con zucchero a velo.
La mia amica Ginevra li prepara abitualmente ma senza canditi perché non piacciono.
Come sempre, io ti lascio la ricetta della tradizione, tu scegli la tua strada. Consiglio personale: aggiungi il liquore all’anice per non perdere tutte le caratteristiche tipiche della ricetta di Altedo.

Buona cucina, Monica

Biscotti bolognesi: ricette

Bologna ha una ricca e varia tradizione di biscotti locali.
Alcuni puoi trovarli facilmente nei forni cittadini. Ad esempio le raviole di San Giuseppe, che ormai si mangiano tutto l’anno, o gli zuccherini montanari. Altri invece stanno scomparendo come le mistocchine, semplici dolcetti che si preparano con farina di castagne e acqua (vegani e senza glutine), o le Fave dei Morti, biscotti tipici nel periodo di Ognissanti (un’altra ricetta senza glutine).

Keep in Touch

Per restare sempre aggiornato e non perdere nuove ricette e articoli, iscriviti alla newsletter di Tortellini&CO. Niente spam, solo cose carine.

Stai in Rete

Se ti va, puoi seguirmi su InstagramPinterest e Facebook.

Biscotti del Re ricetta

Ricetta Biscotti del Re


per un kg di biscotti
Lista degli Ingredienti


farina 00, 500 g
burro fuso, 125 g
zucchero semolato, 250 g
uova, 3
bicarbonato, 1 cucchiaino
mandorle spellate, 150 g
cedro candito, 100 g
liquore all’anice, 1 bicchierino
sale, un pizzico


Procedimento


Tieni da parte le mandorle tritate grossolanamente e il cedro tagliato a pezzettini piccoli.

In una ciotola, o nella planetaria, mescola gli ingredienti secchi.
Aggiungi il burro fuso non troppo caldo, le uova, il liquore e impasta sino a ottenere un composto morbido e ben amalgamato. Unisci anche mandorle e cedro, impasta ancora, avvolgi nella pellicola e lascia riposare in frigorifero mezza giornata.

Elimina la pellicola, spolvera di farina il tuo piano di lavoro e strappando dei pezzi di impasto forma dei filoncini lunghi 20-30 cm, larghi 2 e alti 2 cm.

Sistemali su una teglia coperta di carta forno e cuoci in forno già caldo, funzione statica, a 180 gradi per 25 minuti (devono restare chiari).

Togli dal forno e lascia raffreddare per una decina di minuti.
Muovendoli delicatamente, staccali e con un coltello affilato taglia i filoni in diagonale formando dei biscotti di circa 2 cm.

Rimetti in forno e cuoci per 6 minuti a 100 gradi.
Toglia dal forno e lascia raffreddare. Spolvera con zucchero a velo.

Biscotti

Biscotti

Biscotti

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here