Toscana: il Chianti tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina


La campagna Toscana è stata costruita come un’opera d’arte (cit. H. Desplanques). Una certezza, oltre che una grande verità. Cosa ne dite di un tour per conoscere meglio una zona speciale di questa bella regione, il Chianti che profuma di vino, ristori di campagna, corsi di cucina e, in stagione, di tartufo?

Quello che propongo è un itinerario della durata di un weekend nel Chianti classico, tra grandi vini, dimore e cantine storiche, corsi di cucina toscana.
Ma se avete più tempo a disposizione, potete aggiungere qualche giorno di mare sulla costa tirrenica, dove vi attendono altre, e altrettanto note, cantine, per trasformare il viaggio in una vacanza.

Un soggiorno nel Chianti classico è super consigliato anche per chi cerca un’idea originale per festeggiare anniversari ed eventi. In effetti questo post nasce così. Ho studiato, pianificato ed organizzato un tour a sorpresa che è stato molto apprezzato. Eccomi a raccontare tutto di questa fantastica esperienza!

Bargino di San Casciano in Val di Pesa: tenuta Antinori

Prima tappa cantina Antinori a Bargino, frazione del comune di San Casciano in Val di Pesa.

La cantina è stata progettata dall’architetto fiorentino Casamonti su indicazione del Marchese Pietro Antinori per creare una cantina ipogea che rispettasse la collina e si integrasse con l’ambiente circostante. Si tratta di un vero e proprio monumento al Chianti ed ai suoi vigneti.

La struttura è modernissima, sa ricevere, sa stupire, soprattutto sa “essere una cantina”, come dicono qui. E per giunta una delle più conosciute al mondo.

La famiglia Antinori fa vino – e che vino – da oltre 600 anni. Questa cantina produce, tra gli altri, il Peppoli, Il Villa Antinori e il Vin Santo che tutti i visitatori possono degustare a fine percorso.

Consiglio: pranzate al ristorante Rinuccio 1180, sul tetto della cantina, immerse nel verde della campagna Toscana.

Dove si trova

Via Cassia per Siena, 133 Loc. Bargino, San Casciano Val di Pesa, Firenze. Indicazioni stradali: QUI.

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina
Petriolo di Greve in Chianti: tenuta Vignamaggio

Da una cantina mimetizzata con il panorama, ad un’altra che si trova all’interno di una tenuta al cui centro sorge una villa rinascimentale circondata da giardini all’italiana considerati tra i più belli della regione. Vi porto a Vignamaggio, dove si respirano tannini e storia, essendo stata questa, originariamente, la residenza della nobile famiglia Gherardini che, tra gli altri, ha dato i natali ad una certa Monna Lisa Gherardini. Ovvero la modella del celebre dipinto di Leonardo.

Non per nulla, in questa cantina si producono, tra gli altri, il Chianti classico Gran Selezione “riserva di Monna Lisa”.

A fine visita, è possibile fermarsi per gustare un pranzo tradizionale presso il ristorante o scegliere la formula della degumerenda. Cioè una degustazione di vini e salumi, formaggi e bruschette secondo la miglior tradizione toscana. Si finisce, neanche a dirlo, a tarallucci e vino. Vin santo, ovviamente. Quello prodotto nella vinsantaia di famiglia e che ha un profumo inebriantissimo di fungo porcino. Una bevanda deliziosa di cui fare scorta nel negozio dell’azienda.

Presso Villamaggio è anche possibile soggiornare prenotando una camera o una suite.

Dove si trova

Vignamaggio è nel cuore del Chianti Classico, a 33 km da Firenze e 35 km da Siena, due delle più importanti città della Toscana. La villa si trova a Petriolo, a meno di 4 Km dal centro di Greve in Chianti e a 8 km da Panzano.

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Panzano in Chianti, b&b i Fagiolari: a lezione di cucina toscana

Proseguiamo nel tour! Rimaniamo in zona, questa volta non per bagnarci le labbra ma per sporcarci le mani! Andiamo a Panzano in Chianti, presso il B&B i Fagiolari. Se cercate un corso di cucina toscana, lo consiglio. Qui ho imparato a cucinare la brodolosa (zuppa toscanissima di castagne e lenticchie). Ma anche il peposo (altrettanto tipico spezzatino di manzo moooolto pepato) e i famosissimi cantucci.

Il casolare che ospita il b&b è alla fine di una stradina bianca, letteralmente in mezzo al verde. C’è così tanto verde e tanto silenzio da lasciare stupiti dei cittadini come noi.

Il corso di cucina è intimo e personalizzato. Così come ho fatto io, al momento della prenotazione è possibile concordare le ricette da preparare. Anna, una delle proprietarie, saprà darvi il consiglio giusto.

Mentre affettiamo cipolle nel modo giusto per preparare il soffritto e incorporiamo tuuutte ma proprio tuuutte le mandorle nella frolla per i cantucci, scopriamo che Anna ha preferito la pace del Chianti alla vita da avvocato a Torino. E che durante le vacanze va negli Stati Uniti ad insegnare la cucina toscana. Grazie a lei ed ai suoi consigli, ognuno di noi ha finito la lezione sentendosi un piccolo chef! E per fortuna, visto che la cena è a base delle nostre preparazioni!

La giornata termina con una partita a scacchi davanti al camino del casolare, pensando a quanti amici vorremmo portare in questo posto incantevole.

Dove si trova

Via Case Sparse (Panzano), 25, Greve in Chianti FI

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucinaWeekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina
San Gimignano: tenuta Guicciardini-Strozzi

Questa nobile e secolare tenuta offre uno spettacolare tour nelle cantine e la possibilità di degustare in loco il meglio che offre la Toscana. Se siete amanti del tartufo ed è stagione, il valore aggiunto è la possibilità di partecipare alla sua ricerca scoprendo e imparando cose nuove immersi nella natura.

La seconda giornata inizia quindi con la meno cruenta delle cacce, ovvero quella ai tartufi.

Siamo a San Gimignano, località Cusona. La nostra meta è l’azienda agricola più antica della zona e appartiene alla famiglia Guicciardini-Strozzi. E proprio in compagnia di Irina Guicciardini-Strozzi, del tartufaio Andrea e di due preziosissimi collaboratori a quattro zampe, ci addentriamo nella tenuta che circonda la villa e le vigne alla ricerca del tartufo bianco.

Non sappiamo se sia stata la fortuna dei principianti, il particolare slancio dei cani o il clima, ma in meno di due ore abbiamo trovato 250 gr di tartufi.

Al rientro, mentre nelle cucine si preparava il nostro pranzo a base di tartufo, abbiamo visitato le cantine storiche e quelle ora in uso. Le diverse portate del pranzo sono state una meravigliosa occasione per degustare i vini dell’azienda. Abbiamo assaggiato il Chianti Classico e la Vernaccia, bianco, un vino tanto pregiato da esser stato il vino del Papa nel XVI secolo.

Dove si trova

Località Cusona, 5, San Gimignano (Siena)

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucinaWeekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Gaiole in Chianti: tenuta barone Ricasoli, castello di Brolio

Gratissimi dell’esperienza e con la pancia piena, siamo pronti per l’ultima tappa, direzione Gaiole in Chianti per visitare l’azienda vitivinicola più antica d’Italia che porta nome e titolo della famiglia: Barone Ricasoli, dal 1141.

Iniziamo con un tour guidato del castello di Brolio: le sale d’armi lasciano il posto ai giardini e alle vecchie cantine. La visita, lasciatemelo dire, è una lezione di storia sul campo: il barone Ricasoli, detto il Barone di Ferro, contribuì attivamente a “fare l’Italia e gli Italiani” essendo stato il primo ministro dell’Italia unita dopo Cavour. Ma Ricasoli, oltre che politico, era un visionario e uno studioso di scienza, tanto da iniziare la ricerca del “vino perfetto”. E il frutto delle sue ricerche è ben visibile durante la visita alle cantine moderne, frutto di un attento recupero di spazi molto antichi e di una tecnologia all’avanguardia.

La degustazione finale prevede Chianti classico per ogni palato e portafogli, gran selezioni e riserve da perdere la testa, ma anche vin santo, rosè e malvasia.

Si termina un po’ brilli ma più brillanti, il mix di paesaggi, storia, ottimi vini, buona cucina e belle persone, lascia il segno e mette decisamente di buon umore. Ed è questo – oltre ad un bagagliaio pieno di bottiglie – che abbiamo portato a casa e che spero di avere, almeno un po’, condiviso con voi.
Per restare aggiornato sui miei viaggi e scaricare tutte le mini guide, iscriviti alla newsletter di Tortellini&CO: QUI.

Dove si trova

Loc. Madonna a Brolio, Gaiole di Chianti (Siena).

Luisa

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina

Weekend in Toscana: Chianti classico tra dimore storiche, cantine, corsi di cucina